Storie Libera-Te

Non siamo le violenze che abbiamo subìto, siamo il coraggio con cui le abbiamo affrontate

Pagina 2 di 4

Veleno e antidoto: detesto me stessa perché c’è qualcosa che mi sfugge

Veleno e antidoto: osservo troppo in profondità, non comprendo ciò che vedo, parafrasi di questa inconcludente ricerca è il mio corpo.Vedo nero dentro, dipingo di nero anche il fuori.Il mio senso potenziato è il sentire stesso, e come un cieco ode e annusa più forte degli altri, dentro di me, tra la cassa toracica e…

Leggi tutto »

La Biblioteca delle Donne

Nacque come una sfida. Quella di proporre la conoscenza e lo studio di scrittrici da sempre ignorate dal canone letterario tradizionale. Generazioni di studentesse e di studenti hanno studiato su antologie che hanno sistematicamente ignorato la presenza femminile relegandola ad alcune pagine “dedicate”, lasciando passare il messaggio della loro inesistenza e scarsa incidenza. Dalla primavera…

Leggi tutto »

Illustrazione: Giulia Rosa

Non ho mai avuto dubbi su cosa volessi fare da grande: dicevo “l’astronauta!” da bambina e quindi, seguendo un’inclinazione naturale, mi sono ritrovata a viaggiare fra le galassie dell’anima umana

Sono una terapista della riabilitazione psichiatrica e per me questo lavoro non è stata una scelta o semplicemente una passione, ma una vocazione. Qualcosa che ha a che fare più con qualcosa di sacro, delicato, profondamente rispettoso e libero da ogni etichetta. Queste le qualità che ha per me la relazione con il paziente e…

Leggi tutto »

Mi sono ritrovata a rivestire un unico ruolo, quello di compagna. Pulizie, cucina, lavori in casa. E mi sta stretto.

È un po’ che rimando questa cosa di scrivere, perché quando inizi a mettere in ordine i pensieri e li fai diventare parole è come se quello che hai in testa prendesse forma e diventasse vero, e devi iniziare a farci i conti. Da brava distanziante non a caso ho le mie strategie che tutto…

Leggi tutto »

Affronto la pandemia in Messico, a più di diecimila chilometri dalla mia famiglia.

Sono a più di diecimila chilometri da casa, un oceano mi separa dalla mia famiglia. Da circa due anni lavoro in Messico nel campo della cooperazione internazionale. Ero a lavoro quando ho sentito le prime notizie sul COVID-19 che iniziava a farsi conoscere in Italia. Con la leggerezza di molti in quei primi giorni ho…

Leggi tutto »

Fuori tutte _Dentro tutte_marzo 2020

Eccoci qui. Da oggi restiamo tutte a casa. Lo dicono ai Tg. Strana situazione, direi opposta rispetto al vissuto di undici anni fa. Erano le 3:32, nel pieno della notte e allora : “ Tutte/i fuori casa ! ” Era la terra, che lo gridava, scuotendo chi dormiva ancora. Strade deserte oggi ( anche se…

Leggi tutto »

Torniamo a mostra-re

E finalmente arriva il 5 marzo 2020! Sorrisi, abbracci, interventi diffusi sottolineano l’emozione collettiva di un meraviglioso gruppo di donne che destreggiandosi tra i numerosi impegni quotidiani sono riuscite a creare una storia collettiva sul vissuto di altrettante donne. Queste sono state fotografate, narrate ed ora mostra-te a questa folla curiosa che si aggira nel…

Leggi tutto »

Covidclown ma che è? Sì è, punto e basta! Semplicemente è.

In realtà c’è poco da ridere. Covidclown ma che è? Sì è, punto e basta! Semplicemente è. La clown che scrive vive in Veneto e precisamente nella provincia di Vicenza. La prima regione nazionale ad essere stata assoggetata al lockdown come lo chiamano gli statunitensi. Preferisco molto di più l’elegante britannico “self-isolation” (auto isolamento) perché…

Leggi tutto »

Sono educatrice in un nido e il mio lavoro è la cosa più bella che avrei potuto immaginare per me.

Abito a Roma da otto anni e questa è decisamente una città che ti risucchia, ti leva ogni energia a fine giornata ed è in continuo movimento e trasformazione. Io sono aquilana ed ero abituata a ritmi più lenti, tutto a disposizione, tutto raggiungibile a piedi, dove per prendere un caffè con un’amica non avevi…

Leggi tutto »

EROI IN CRISI

Sono le 19:45 e imbocco la tangenziale a velocità discreta con la fretta di chi vuole già essere sulla porta di casa. Ho appena finito il turno di lavoro. Roma è cosi silenziosa e spettrale. Una scena surreale. Impiego quindici minuti per tornare a casa e tutto ciò è ancora più surreale. Rifletto sul fatto…

Leggi tutto »

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén