Storie Libera-Te

Non siamo le violenze che abbiamo subìto, siamo il coraggio con cui le abbiamo affrontate

Categoria: STORIE – 19 In collaborazione con Ass. Donne Terremutate e Biblioteca delle Donne Pagina 1 di 2

Giorni precari

Giorni precari. Giorni precari resi, se possibile, ancora più precari. Traslochi e silenzi e vuoti. Se costretta, trasloco in silenzio i miei vuoti. 32 anni senza radici.32 anni di rami esili ed equilibrismi per non cadere a terra, buttata giù dal vento – ed il vento è stato forte. Un’innato istinto vitale alla sopravvivenza. L’unica…

Leggi tutto »

Ci vuole coraggio e libertà per uscire da schemi e modelli di vita imposti e comodi, io sono sempre andata controvento e questa volta sono stata ripagata

“Io dalle mie montagne vedo il mare” è una frase alquanto retorica e la retorica non mi appartiene. Sono pratica e diretta diventando a volte quasi arrogante nella mia schiettezza, ma devo ammettere che nella mia seconda fase ogni tanto mi ritrovo anche enfatica. Vi voglio raccontare la mia pace, sono finalmente in quiete con…

Leggi tutto »

La Biblioteca delle Donne

Nacque come una sfida. Quella di proporre la conoscenza e lo studio di scrittrici da sempre ignorate dal canone letterario tradizionale. Generazioni di studentesse e di studenti hanno studiato su antologie che hanno sistematicamente ignorato la presenza femminile relegandola ad alcune pagine “dedicate”, lasciando passare il messaggio della loro inesistenza e scarsa incidenza. Dalla primavera…

Leggi tutto »

Illustrazione: Giulia Rosa

Non ho mai avuto dubbi su cosa volessi fare da grande: dicevo “l’astronauta!” da bambina e quindi, seguendo un’inclinazione naturale, mi sono ritrovata a viaggiare fra le galassie dell’anima umana

Sono una terapista della riabilitazione psichiatrica e per me questo lavoro non è stata una scelta o semplicemente una passione, ma una vocazione. Qualcosa che ha a che fare più con qualcosa di sacro, delicato, profondamente rispettoso e libero da ogni etichetta. Queste le qualità che ha per me la relazione con il paziente e…

Leggi tutto »

Mi sono ritrovata a rivestire un unico ruolo, quello di compagna. Pulizie, cucina, lavori in casa. E mi sta stretto.

È un po’ che rimando questa cosa di scrivere, perché quando inizi a mettere in ordine i pensieri e li fai diventare parole è come se quello che hai in testa prendesse forma e diventasse vero, e devi iniziare a farci i conti. Da brava distanziante non a caso ho le mie strategie che tutto…

Leggi tutto »

Affronto la pandemia in Messico, a più di diecimila chilometri dalla mia famiglia.

Sono a più di diecimila chilometri da casa, un oceano mi separa dalla mia famiglia. Da circa due anni lavoro in Messico nel campo della cooperazione internazionale. Ero a lavoro quando ho sentito le prime notizie sul COVID-19 che iniziava a farsi conoscere in Italia. Con la leggerezza di molti in quei primi giorni ho…

Leggi tutto »

Fuori tutte _Dentro tutte_marzo 2020

Eccoci qui. Da oggi restiamo tutte a casa. Lo dicono ai Tg. Strana situazione, direi opposta rispetto al vissuto di undici anni fa. Erano le 3:32, nel pieno della notte e allora : “ Tutte/i fuori casa ! ” Era la terra, che lo gridava, scuotendo chi dormiva ancora. Strade deserte oggi ( anche se…

Leggi tutto »

Torniamo a mostra-re

E finalmente arriva il 5 marzo 2020! Sorrisi, abbracci, interventi diffusi sottolineano l’emozione collettiva di un meraviglioso gruppo di donne che destreggiandosi tra i numerosi impegni quotidiani sono riuscite a creare una storia collettiva sul vissuto di altrettante donne. Queste sono state fotografate, narrate ed ora mostra-te a questa folla curiosa che si aggira nel…

Leggi tutto »

Covidclown ma che è? Sì è, punto e basta! Semplicemente è.

In realtà c’è poco da ridere. Covidclown ma che è? Sì è, punto e basta! Semplicemente è. La clown che scrive vive in Veneto e precisamente nella provincia di Vicenza. La prima regione nazionale ad essere stata assoggetata al lockdown come lo chiamano gli statunitensi. Preferisco molto di più l’elegante britannico “self-isolation” (auto isolamento) perché…

Leggi tutto »

Sono educatrice in un nido e il mio lavoro è la cosa più bella che avrei potuto immaginare per me.

Abito a Roma da otto anni e questa è decisamente una città che ti risucchia, ti leva ogni energia a fine giornata ed è in continuo movimento e trasformazione. Io sono aquilana ed ero abituata a ritmi più lenti, tutto a disposizione, tutto raggiungibile a piedi, dove per prendere un caffè con un’amica non avevi…

Leggi tutto »

Pagina 1 di 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén